[ad_1]





Redazione

06 settembre 2021 17:06



Nel giorno in cui l’Umbria piange l’ennesimo lavoratore morto – e dopo che la regione è stata inserita in ‘zona rossa’ per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro – arrivano ammende, una maxisanzione per lavoro nero  e denunce per i titolari di due imprese edili oltre alla ‘sospensione’ dell’attività imprenditoriale. 


Camionista deceduto a Corciano, la Cgil trasporti: “Ingiusto morire sul lavoro a 72 anni”


È successo a Terni, dove il personale dell’Ispettorato del Lavoro ha ispezionato in sinergia con i militari del Comando carabinieri per la tutela del lavoro un cantiere e riscontrato a carico di una ditta edile umbra irregolarità rispetto all’aggiornamento del documento Pimus-piano montaggio e uso ponteggi, oltre alla mancata adozione di misure di formazione e informazione inerenti il rischio epidemiologico da Covid all’interno del cantiere.


Nel medesimo cantiere è stata inoltre rinvenuta la presenza di una ditta ‘subappaltatrice’ con sede legale in provincia di Caserta la quale impiegava ben due lavoratori su due, trovati in attività e presenti sul luogo di lavoro, completamente al nero e sconosciuti quindi alla pubblica amministrazione. 



Umbria in “zona rossa” per la sicurezza sul posto di lavoro: 2 morti al mese nel 2021


Sono state quindi elevate dal personale Nil dell’Arma ammende pari a complessivi 2.457 euro, sanzioni amministrative pari a 6.400 euro, la sanzione di 400 euro per mancato rispetto norme anticovid ed è stata inoltre contestata la maxisanzione per lavoro nero (da 1.800 a 43.200 euro in base al periodo di lavoro in nero). Dei fatti è stata infine tempestivamente informata l’autorità giudiziaria e i titolari delle due imprese edili sono stati denunciati a piede libero.







[ad_2]

Fonte articolo Perugia Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *