Un boom di ladri di biciclette nel centro città di Terni. Rispetto al passato si sono impennate le denunce di furto delle due ruote presentate dai cittadini presso i comandi dell’Arma. I militari si sono immediatamente attivati e, al termine di una paziente e attenta attività di osservazione e raccolta informativa, sono riusciti a risalire a tutta la filiera del furto, identificando il responsabile dei furti e due ricettatori, rispettivamente un cittadino italiano, ternano, classe ’77, e due cittadini romeni, classe ’69 e ’78, residenti a Terni.

Il clan delle due ruote

Una macchina decisamente ben oliata e collaudata. L’italiano, disoccupato, era l’addetto al furto delle biciclette lasciate momentaneamente incustodite dai proprietari sulle vie del centro, all’interno dei garage o negli androni condominiali per poi consegnarle ai ricettatori in cambio di un compenso di 50,00 euro. Sono state sottratte biciclette di ogni tipologia e valore: a trazione muscolare, elettrica, anche bici sportive estremamente costose.


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.


La perquisizione. Spunta la canapa indiana

Durante la perquisizione effettuata dei carabinieri è stato possibile recuperare 5 biciclette, già ricettate, che saranno restituite ai legittimi proprietari. Nel corso delle operazioni, i militari della stazione di Terni hanno anche rinvenuto 3 piante di canapa indiana dell’altezza di circa 140 cm, che ha fatto scattare un deferimento neii confronti di uno dei ricettatori per la detenzione illecita di sostanze stupefacenti.



Fonte articolo Terni Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.