[ad_1]

Con la scomparsa dell’attore ternano Italo Pellegrini si perde uno storico pezzo di cultura e intrattenimento radiofonico. Ce ne dà notizia l’amico Gino Goti che fu regista di quella mitica trasmissione della Rai regionale dell’Umbria, a cura della redazione del giornale radio.

Erano tempi in cui la radio entrava nelle nostre case, portando una pennellata di cronaca e lingua locale. La trasmissione si chiamava “Qua e là per l’Umbria” e raccontava in modo brillante le vite degli abitanti di città e paesini, presentati con umorismo sornione.

Italo interpretava delle scenette in dialetto ternano nel tradizionale duetto con Giancarlo Caporali. I testi li preparava Franco Bicini, maestro di peruginità, ma a voltarli nelle cadenze ternane erano gli interpreti, che li calavano anche nel loro territorio.

Pellegrini, di primo mestiere (quello che garantisce il pane quotidiano) era impiegato presso la Camera di Commercio, ci ricorda Goti. Ma ha avuto anche una carriera di giornalista, conduttore televisivo di programmi di arte e cultura, e perfino attore di teatro dopo l’interruzione delle trasmissioni radiofoniche regionali.


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.


Insomma: una persona di cultura che amava proporsi in chiave artistica di singolare efficacia.

[ad_2]

Fonte articolo Perugia Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *