Una nuova collocazione per la statua del Thyrus. Da qualche settimana uno dei simboli della città è stato sistemato a Palazzo Spada, dopo aver ‘soggiornato’ all’interno del parco di viale Campofregoso. Tale scelta ha provocato dibattito soprattutto sui social, ormai diventati piazza virtuale di riferimento per la comunità. L’ultima polemica si è incentrata sulla eventuale presenza di ruggine, che ha provocato la reazione di Michele Rossi. Il capogruppo di Terni Civica è stato uno dei fautori dello spostamento, anche a seguito degli atti di vandalismo che avevano provocato la rottura del musetto.

“Il basamento essendo in acciaio corten – afferma Rossi riportando le valutazioni del restauratore Matteo Cannarsa – subisce la naturale ossidazione dovuta ai fattori atmosferici. Ottenuta l’ossidazione ricercata si sta procedendo al trattamento con il prodotto fissante. Per quando riguarda gli schizzi sul basamento questi sono facilmente removibili, essendo lo stesso già stato trattato con prodotto che lo rende non assorbente”.

Il consigliere ricorda che: “La scultura è stata oggetto di restauro nell’estate del 2016. L’atto vandalico ha reso evidente quello che già era emerso in fase di restauro. Il contesto in cui risiedeva l’opera non era idoneo alla sua conservazione nel tempo. Innanzitutto per una questione ambientale dovuta all’umidità, ai fumi del traffico e al contesto biodeteriogeno. Lo spostamento, la posizione e l’assetto estetico del basamento sono stati stabiliti dalla Soprintendenza umbra”.


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.




Fonte articolo Terni Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.