[ad_1]

(Acs) Perugia, 7 novembre 2020 – “Non è chiudendo ospedali e spostando il personale che si combatte il Covid. E non sta scritto da nessuna parte che debba toccare sempre all’Umbria meridionale pagare il tributo per colpa dell’incapacità di qualcuno di gestire l’emergenza sanitaria”. Lo dichiara il capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle, Thomas De Luca, in una nota firmata anche dai consiglieri comunali Luca Tramini (Narni), Gianfranco Chieruzzi e Romano Banella (Amelia). 

“Siamo d’accordo – spiega De Luca – che in un piano straordinario di contenimento tutte le strutture sanitarie dovrebbero essere a disposizione. Ma la realtà è ben diversa. Dopo l’improvvisa riconversione della struttura di Spoleto in ospedale Covid, con una semplice mail il commissario dalla Usl Umbria 2 Massimo De Fino ha comunicato la chiusura temporanea degli ospedali di Narni e Amelia ed il trasferimento a Spoleto degli anestesisti e del personale di sala operatoria. Una scelta a dir poco demenziale perchè produce un grave depotenziamento su Narni e Amelia e un sovraccarico sull’ospedale di Terni, che da solo non sarà mai in grado di reggere questa seconda ondata. Soprattutto, ad oggi, non c’è alcuna garanzia da parte della Giunta regionale sul fatto che torneranno i servizi al termine dell’emergenza”.

“Aspettiamo – continua Thomas De Luca – che la Giunta si pronunci esplicitamente su questo e che fornisca nella massima trasparenza e condivisione i dati e le previsioni in loro possesso. Forse chi governa la Regione non sa che oltre al Covid ci si continua ad ammalare anche di altro. Servirebbero strutture libere e pulite, invece nel mezzo della pandemia del secolo la Lega chiude non uno, ma ben due ospedali. Proprio nel giorno in cui il livello di saturazione dei posti letto Covid nei nostri ospedali raggiunge il 65 percento, la Regione rinuncia a 129 posti letto. E spende oltre 3 milioni di euro per un ospedale da campo che di posti in terapia intensiva ne avrà 12 e che sicuramente non sarà pronto per novembre. Dopo sette mesi di attesa forse non ne basteranno altri tre. Tanto, secondo quanto dichiarato dalla società appaltatrice, servirebbe per l’ammodernamento delle tende che risalgono al terremoto di L’Aquila e che ormai sono vecchie e inutilizzabili e per l’allestimento delle terapie intensive. Non sarebbe stato meglio – domanda infine De Luca – spendere questi 3 milioni per l’adeguamento di Monteluce a Perugia oppure per l’ex Milizia a Terni? Adesso avremmo decine, se non centinaia, di posti letto in strutture vere e non nelle tendopoli”. RED/mp

[ad_2]

Redazione Acs – Agenzia di informazione a cura dell’Ufficio stampa del Consiglio regionale dell’Umbria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *