Lago Trasimeno,  – Mercoledì scorso il Servizio Controllo Organismi Infestanti di Igiene e Sanità Pubblica dell’Usl Umbria 1 ha dato il via ai trattamenti per il contenimento delle zanzare del genere “Culex” sulle coste del Lago Trasimeno, come deliberato dalla Giunta regionale (atto n. 542 del 01/06/2022 avente per oggetto “Interventi di prevenzione per il controllo della diffusione del West Nile virus”).

L’attività è ritenuta importante perché, come viene riportato nel documento, “Il Lago Trasimeno, come anche gli altri bacini costituiti da acque basse con piccole pozzanghere e depressioni con limitate quantità d’acqua che si formano nel corso dell’estate, costituisce un habitat ideale anche per le larve delle zanzare del genere Culex” ed inoltre “molte specie di uccelli migratori transitano nel bacino del Trasimeno e possono essere serbatoio del virus della West Nile”.

“L’amministrazione regionale sì è attivata rapidamente visto l’attuale stato del lago Trasimeno che registra un abbassamento del livello idrometrico e che potrebbe ridursi ulteriormente e creare bacini confinati, habitat delle zanzare del genere Culex (vettore West Nile). Quindi è stato ritenuto importante diminuire nell’immediato il maggior numero di larve di tali insetti per contenere la diffusione del vettore nella stagione estiva dove il ciclo biologico delle zanzare raggiunge il massimo sviluppo”, spiega il dottor Alessandro Maria Di Giulio, responsabile dell’attività di disinfestazione del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda Sanitaria.

“Il Dipartimento di Prevenzione della Usl Umbria 1, nell’ambito del Piano Nazionale Arbovirosi, – prosegue – ha programmato, pianificato e valutato gli interventi di controllo dei potenziali vettori Culex pipiens e svolgerà gli interventi con la distribuzione di un prodotto larvicida biologico a base di Bacillus thuringiensis var israeliensis. I trattamenti, che andranno avanti per l’intera estate, verranno eseguiti con un mezzo anfibio hovercraft idoneo per il trattamento di bacini con bassi fondali e con l’ausilio di personale adeguatamente formato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.