[ad_1]

“Noinsieme”, “Family Tech” e “Attività sociali per le persone con disabilità”, sono i tre interventi che la Giunta regionale, su proposta dell’assessore al Welfare, Luca Coletto, ha stabilito di finanziare con oltre 3 milioni 732 mila euro, per andare incontro alle necessità della popolazione maggiormente esposta ai rischi economici e sociali e prodotti dall’emergenza epidemiologica.   

Le azioni rientrano nell’ambito di un intervento più ampio, grazie al quale la Regione Umbria ha predisposto una riallocazione delle risorse comunitarie, nazionali e regionali, in modo da finanziare interventi resi molto più urgenti in questa fase di emergenza, rispetto a quelli previsti inizialmente nel Piano straordinario di contrasto alle povertà – Emergenza COVID-19.

“L’emergenza sanitaria ha innescato molte problematiche sociali anche in Umbria dove si registra, come in tutta Italia, un aumento della vulnerabilità delle famiglie e delle persone fragili. Sono molti i nuclei familiari che, accanto a una riduzione del reddito, subiscono un notevole aumento dei carichi di cura dei familiari non autonomi.

Con l’intervento “Noinsieme”, finanziato con 2 milioni 932mila 333 euro, la Regione vuole sostenere le persone e le famiglie in condizione di temporanea difficoltà economica attraverso l’erogazione di buoni spesa destinati all’acquisto di beni di prima necessità, contributi economici per medicinali e utenze domestiche. I cittadini destinatari dell’intervento potranno contare su un servizio di informazione, ascolto attivo, sostegno sociale e orientamento eseguito da professionisti qualificati alla gestione delle situazioni di emergenza e post emergenza. Si intende, così, garantire, oltre ad un mirato e necessario sostegno economico, anche un fondamentale spazio dedicato a riprogrammare nuove strategie di uscita dalla situazione emergenziale in cui si trovano oggi le persone e le famiglie.

“Family Tech”, finanziato con risorse pari a 500 mila euro, prevede l’erogazione di un contributo a copertura dei costi che le famiglie sostengono per il noleggio o l’acquisto di strumenti tecnologici utili allo svolgimento di attività sociali, socio-educative, ludico-ricreative a distanza e, comunque, funzionali all’erogazione di servizi socio assistenziali, socio educativi e socio ricreativi, purché non finanziati con altre misure adottate per fronteggiare l’emergenza.


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.


Mentre con l’intervento sulle “Attività sociali per le persone con disabilità”, si vuole favorire la realizzazione e la ripresa di tutte quelle attività socio-educative e socio-ricreative finalizzate a incoraggiare e potenziare l’inclusione sociale, anche scolastica, delle persone con disabilità, minori e adulti. Le attività dovranno necessariamente svolgersi in modalità a distanza o, comunque, nel rispetto delle regole di distanziamento. Le risorse disponibili per l’intervento ammontano a 300 mila euro.

[ad_2]

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *