Le indagini sul caso Suarez e sull’esame di italiano all’Università per Stranieri di Perugia “saranno tutte riprogrammate in modo da garantire la doverosa riservatezza”. Lo ha confermato il procuratore di Perugia Raffaele Cantone all’Ansa. Riprenderanno nei prossimi giorni per chiarire tutti gli aspetti della vicenda dell’esame del 17 settembre del calciatore uruguaiano alla Stranieri.

Nel pomeriggio di venerdì 25 settembre, mentre Luigi Chiappero e Maria Turco, legali della Juventus, uscivano dal palazzo della Procura di Perugia dopo essere stati ascoltati per ore come persone informate sui fatti, il sito dell’Ansa ha annunciato lo stop a tempo indeterminato, da parte della stessa procura del capoluogo umbro, delle indagini. 


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.


Il procuratore capo Raffaele Cantone ha spiegato all’Ansa come la decisione sia legata a quelle che vengono ritenute ripetute violazioni del segreto istruttorio: “Sono indignato per quanto successo finora – ha detto Cantone -, compreso l’assembramento dei mezzi d’informazione oggi sotto alla procura. Faremo in modo che tutto questo non accada più”. Sempre secondo quanto riportato dal sito dell’Ansa il procuratore è pronto ad aprire un fascicolo per accertare eventuali responsabilità. 



Fonte articolo Perugia Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.