Che Terni sia da sempre città vocata all’innovazione è evidente, ce lo dice la storia. Meno evidente che le amministrazioni a guida Pd che negli ultimi decenni si sono susseguite fossero realmente consapevoli di questa potenzialità.

Sinceramente, delle citate scelte lungimiranti e progettualità di cui si è parlato nel loro ultimo intervento quali presunte solide fondamenta di ciò che sta avvenendo ora nel nostro territorio, non se rinviene traccia. Forse ci si riferisce al fatto che le amministrazioni si siano poste, nel corso del tempo, a tutela della nostra principale azienda e dei lavoratori nel momento in cui hanno affrontato crisi anche particolarmente dure?

Se questo fosse, mi sembra solo una cosa dovuta ma superati detti momenti nessuna scelta amministrativa è stata fatta per accompagnare il territorio verso un percorso diverso di sviluppo virtuoso e condiviso. Colgo con favore l’assunto che il tema dell’idrogeno sia diventato un argomento all’ordine del giorno dei tantissimi momenti di incontro che in questo periodo si stanno susseguendo, ma sarebbe intellettualmente onesto riconoscere all’idrogeno le amministrazioni del Pd non ne avevamo mai fatto cenno, né per la grande industria né tanto meno con proposte progettuali proprie dell’ente che per tanti anni hanno avuto l’onore di amministrare. Il coraggio e la lungimiranza è, su questo tema, da riconoscere alla nostra amministrazione che ha creduto e crede fortemente nell’idrogeno non solo come vettore energetico ma soprattutto come elemento su cui il territorio potrà basarsi per tornare a svolgere un ruolo da protagonista, sviluppando concreti progetti di filiera in linea con le opportunità offerte alle amministrazioni e alle imprese anche dal PNRR.

Di idrogeno a Terni abbiamo iniziato ad occuparci sin dal nostro insediamento e quindi, quando pochissimi mesi fa abbiamo appreso la volontà della nuova proprietà di AST di trasformare il proprio ciclo produttivo sostituendo al gas naturale l’idrogeno come fonte energetica, abbiamo capito che probabilmente stavamo andando, come città, tutti nella reale direzione della transizione ecologica. È chiaro che l’idrogeno utilizzato deve essere di tipo “verde”, cioè interamente prodotto tramite elettrolisi da elettricità da fonte energetica rinnovabile che nel caso delle acciaierie potrebbe essere quella della centrale idroelettrica di Galleto. Anche in questo caso l’amministrazione si impegnerà ad accompagnare questa scelta ma è anche pronta a mettere sul campo ulteriori proposte che possano coinvolgere l’intero territorio e che hanno come obiettivo, non solo quello di sfruttare le FER ( fonti di energia rinnovabili) esistenti come l’idroelettrico, ma di incrementate le FER in particolare da fotovoltaico tentando di estendere ad un territorio più vasto i concetti che stanno alla base delle comunità energetiche e cioè autoproduzione, autoconsumo e scambio. Di questo e di temi legati a come il territorio può inserirsi nel percorso della transizione energetica ne parleremo nel 2°appuntamento del Terni Energy Day 2022 che questa amministrazione insieme ad Asm sta organizzando per il mese di ottobre e al quale sin da ora invito i rappresentanti del PD a partecipare.
A proposito di Asm , sul fatto che le scelte fatte in passato su questa azienda siano state lungimiranti sinceramente nutro forti dubbi.
I bilanci che abbiamo trovato rafforzano senz’altro questa convinzione.
Una situazione ben nota a tutti e che avrebbe dovuto condurre chi ci ha preceduto, il PD in primis, più che a rivendicazioni di successi ad assunzioni di responsabilità.
Ed è per questo che, sempre con coraggio e lungimiranza, è stata messa in campo non una cessione di quote ma un’operazione per la ricerca di un partner industriale e finanziario finalizzata all’aumento del capitale mediante conferimento di asset strategici e capitali, garantendo comunque la permanenza della maggioranza assoluta in capo al Comune di Terni. Il percorso è stato e sarà svolto nella massima trasparenza, con il coinvolgimento del Consiglio Comunale, come per legge, che a breve sarà interessato della vicenda. Resta fermo che l’obiettivo è il rilancio strategico della società volto a potenziarne l’azione nelle sue aree di business (energia, ambiente, acqua e gas) con particolare attenzione alla creazione di valore in termini di sviluppo, innovazione, occupazione e rafforzamento della presenza in tutto il territorio (e non solo) in cui presta i servizi.

Copyright © ASI. Riproduzione vietata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.