Bilancio positivo e soddisfazione degli organizzatori per il 56° Corciano Festival , concluso domenica 16 agosto. A chiudere la tradizionale rassegna artistica corcianese il concerto ad opera del Billi Brass Quintet, dedicato ad Ennio Morricone e agli altri celebri compositori che hanno reso grande l’Italia nel mondo.

Un’edizione ridotta per quanto riguarda la programmazione, ma capace comunque a valorizzare il Borgo di Corciano attraverso appuntamenti culturali di rilievo e un’originale mostra a cielo aperto, dimostrando la capacità di adattarsi e reinventarsi senza perdere la sua peculiare caratteristica: il connubio tra tradizione, arte e cultura del territorio. Con le sue quattro giornate di spettacoli, ad ingresso gratuito, tra arte visiva, spettacoli, concerti, presentazioni di libri, serate enogastronomiche e rievocazioni storiche – anch’esse ridimensionate ma non meno suggestive – l’organizzazione ha offerto un’eterogenea proposta culturale ai visitatori e turisti che hanno scelto l’Umbria e Corciano come meta per le loro vacanze.

La mostra “Medialismi 2.0‘2.0 Impronte, corrispondenze, stendali, metessi & altre storie…” resterà in esposizione fino al 13 settembre 2020.


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.




Fonte articolo Perugia Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.