“La Via Romea Germanica ha ottenuto dal Consiglio d’Europa la certificazione di Rotta Culturale Europea, il massimo riconoscimento che certifica la rilevanza storica, culturale e turistica di questo itinerario che attraversa anche l’Umbria” commenta l’assessore regionale al Turismo, Paola Agabiti. 

La Via Romea Germanica è un cammino di oltre 2200 chilometri, nato per far rivivere il percorso che nel 1200 l’Abate di Stade, Alberto, descrisse in un suo diario di viaggio. Partendo da Stade, in Germania, il cammino arriva fino a Roma, attraversando l’Italia per oltre 1100 chilometri.

L’itinerario entra in Umbria a Pozzuolo Umbro, nel comune di Castiglione del Lago, per toccare i territori dei comuni di Paciano, Città della Pieve, Monteleone di Orvieto, Fabro, Ficulle, Allerona, Castel Viscardo, Orvieto e Porano.

“La certificazione colloca la Via Romea Germanica tra i grandi cammini europei, come quello di Santiago e la Via Francigena. È il risultato di un impegno condiviso, segno che fare rete tra istituzioni ed enti porta sempre a raggiungere ottimi traguardi. È, inoltre, un ulteriore veicolo di promozione anche del nostro territorio esaltando ulteriormente quella rete di Cammini dell’Umbria che sono al centro di un attento lavoro di promozione e sviluppo nell’ottica di un turismo sostenibile e integrato con le risorse naturalistiche, paesaggistiche, storiche e culturali del nostro territorio” aggiunge ancora l’assessore.


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audioDisattiva audioDisattiva audioAttiva audio



Spot

Attiva schermo interoDisattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.


“La Regione crede convintamente nella potenzialità rappresentata dal turismo lento, quello dei pellegrini e dei camminatori, dei cicloturisti. E su questo sta investendo da tempo e continuerà a farlo. Siamo sicuri che questa direzione sia quella giusta per il rilancio e la crescita del comparto turistico dell’Umbria” conclude l’assessore Agabiti.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.