In occasione della recente apertura della 29esima edizione della conferenza di Etica ed Economia, alla presenza del Ministro per le Infrastrutture e i Trasporti Enrico Giovannini, è intervenuta Donatella Teseipresidente della Regione Umbria. L’evento, organizzato da Nemetria, propone un titolo evocativo e centrale per il momento che sta vivendo la Regione e il Paese: Pensare il futuro dell’Italia dopo la Pandemia. E il Presidente Tesei non si è lasciata sfuggire l’occasione per rimarcare sia le opportunità offerte dal PNRR che gli ambiti in cui intervenire dal punto di vista della comunità umbra, senza sottovalutare le ataviche difficoltà e lungaggini amministrative e burocratiche che  affannano il rilancio definitivo del Paese. E proprio mentre incombono nuove restrizioni e la nuova, poco velata, minaccia della  variante Omicron, la Tesei sottolinea l’importanza e il ruolo cruciale delle regioni centrali, vera e propria “cerniera” del Paese. Il tema delle Infrastrutture e dei Trasporti è particolarmente caro alla Governatrice, che rimarca la necessità di accelerare progetti e investimenti per cavalcare il trend di ripresa che è in corso. Pur con moderata soddisfazione per i numeri incoraggianti di questo periodo, la Presidente ha invitato tutti a non mollare la presa e, soprattutto, a non sottovalutare la necessità di agire velocemente.

Visione unitaria e dialogo tra le Regioni

Altra riflessione interessante su cui Donatella Tesei, tenace avvocato e navigata politica che ha riportato il centro-destra alla guida della Regione dopo quasi 50 anni di trazione Pd, riguarda il tema della maggiore comunicazione da parte delle regioni. Fondamentale è affrontare il prossimo futuro con una visione d’insieme e obiettivi comuni che difficilmente possono essere superati da singole comunità.

A preoccupare, oltre che il ritardo nella modernizzazione e sburocratizzazione delle procedure, vanno aggiunte le problematiche che riguardano l’aumento dei costi delle materie prime, in particolar modo quelle dei carburanti, che hanno un impatto notevolissimo proprio sul tema dei Trasporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.