Depositato dai Gruppi di centro sinistra al Comune di Perugia (Partito Democratico, Idee Persone Perugia e Rete Civica Giubilei) un ordine del giorno in cui si chiede l’attuazione del progetto del Reddito Alimentare, a sostegno e in linea con la mozione depositata in Assemblea legislativa dell’Umbria dal Gruppo del Partito Democratico, recante “Attuazione in Umbria del Reddito Alimentare e collaborazione con i comuni per la realizzazione del progetto in tutto il territorio regionale”.

Questo perché – spiega il comunicato dei gruppi – il tema della lotta allo spreco alimentare è divenuto anch’esso una questione centrale nelle azioni delle istituzioni italiane negli ultimi anni, essendo stata realizzata anche una legge nazionale sullo spreco (Legge 166/2016), tema su cui, non a caso, la Regione Umbria è stata all’avanguardia, con l’approvazione della Legge regionale 14 novembre 2017, n. 16 “Interventi regionali per la promozione delle attività di donazione e distribuzione a fini di solidarietà sociale di prodotti alimentari, non alimentari e farmaceutici”.

L’emergenza pandemica ha aggravato una crisi sociale in atto già da anni nel nostro Paese, causando un aumento della povertà nella popolazione nazionale in generale, quindi anche nel nostro territorio. Il tema del contrasto all’emarginazione sociale è diventato uno dei principali temi del dibattito pubblico e uno dei cardini di qualsiasi azione di governo assieme al contrasto alla pandemia ed alla crisi economica.

Il Banco alimentare ci da numeri inquietanti: 2,7 milioni e 220mila tonnellate. Rispettivamente numero di persone in Italia a rischio fame e quantità di generi alimentari buttati via ogni anno dai soli supermercati nel 2020. L’emergenza alimentare continua quindi ad esistere, affiancata da un’emergenza spreco che non si riesce a risolvere perché, ad oggi, gli enti del Terzo settore fanno un lavoro straordinario e prezioso per recuperare prodotti e metterli a disposizione di chi ha bisogno, ma non hanno mezzi e risorse a sufficienza per fronteggiare le cifre – come visto enormi – dei due fenomeni. Non solo, la produzione di rifiuti derivati dallo spreco alimentare rappresenta un costo notevole e un danno ambientale.

“Il “Reddito alimentare” è un progetto sociale che prevede lo sviluppo nazionale di un rapporto di collaborazione tra Istituzioni, Privati e Terzo settore per la preparazione di pacchi alimentari attraverso il recupero del cibo che rischia di essere sprecato dalla distribuzione e la loro successiva erogazione nei comuni ai cittadini in stato di indigenza – spiega la capogruppo dem Sarah Bistocchi – È lo Stato in questo caso che si fa carico delle due emergenze, decidendo di gestirle attraverso il riconoscimento alle persone fragili non di denaro, bensì di un diritto all’accesso a prodotti alimentari, sotto forma di pacchi alimentari, parte di quell’invenduto che altrimenti verrebbe buttato via. Nell’attuazione di questo sistema, il compito e l’onere dello Stato è quello di individuare la platea di beneficiari, far mettere a disposizione dei comuni degli spazi utilizzabili sui quartieri e costruire un’infrastruttura digitale adeguata per la sua gestione e la sovrintendenza del processo di ritiro/distribuzione dei pacchi stessi, dove agiscono tre attori: distribuzione, enti, partner logistico”.

Si tratta di un progetto nazionale, che trova applicazione nei Comuni, organizzata a livello centrale dallo Stato e poi diffusa capillarmente sui territori. Il Progetto di Reddito Alimentare risulta essere un’iniziativa a costo zero, ma capace di dar vita ad un sostegno alle fasce più disagiate della popolazione.

“Come Comune abbiamo la disponibilità di importanti capitoli di spesa legati all’ambito delle politiche sociali. Tra l’altro, il Comune è l’ente di prossimità, e di conseguenza il primo livello amministrativo con cui il cittadino ha la possibilità di rapportarsi indipendentemente dalle sue reali competenze – continua Bistocchi – E’ dovere di ogni Comune farsi portavoce di queste istanze della cittadinanza. Il Reddito alimentare può essere lo strumento di contrasto a spreco e fame, frutto del riequilibrio dei rapporti”.

Con questo ordine del giorno, presto in discussione, si chiede di fare proprio il progetto nazionale del Reddito Alimentare al fine di realizzarlo anche nel Comune di Perugia, in modo da fornire uno strumento ulteriore di supporto alle persone in difficoltà e di contrasto alla spesa e alla povertà alimentare.

Di seguito il testo dell’odg: 

Oggetto: Attuazione del progetto del Reddito Alimentare.

 

VISTO CHE:

  • Il tema della lotta allo spreco alimentare è divenuto anch’esso una questione centrale nelle azioni delle istituzioni italiane negli ultimi anni, essendo stata realizzata anche una legge nazionale sullo spreco (Legge 166/2016). Non solo, la Regione Umbria è stata all’avanguardia, andando a disciplinare il tema anche a livello normativo locale, mediante l’approvazione della Legge regionale 14 novembre 2017, n. 16 “Interventi regionali per la promozione delle attività di donazione e distribuzione a fini di solidarietà sociale di prodotti alimentari, non alimentari e farmaceutici”;
  • E’ stata depositata in Assemblea legislativa dell’Umbria, dal Gruppo del Partito Democratico, una mozione dal titolo “Attuazione in Umbria del Reddito Alimentare e collaborazione con i comuni per la realizzazione del progetto in tutto il territorio regionale”;

PREMESSO CHE:

  • L’emergenza pandemica ha aggravato una crisi sociale in atto già da anni nel nostro Paese, causando un aumento della povertà nella popolazione nazionale in generale, quindi anche nel nostro territorio;
  • Il tema del contrasto all’emarginazione sociale è diventato uno dei principali temi del dibattito pubblico e uno dei cardini di qualsiasi azione di governo assieme al contrasto alla pandemia ed alla crisi economica;
  • Secondo il Banco Alimentare, sono 9 milioni gli italiani in povertà. Di questi, 5 sono in povertà assoluta. Tradotto, ciò significa che il 10% della popolazione italiana circa non riesce ad alimentarsi in maniera equilibrata e regolare. Allo stesso tempo, la sola filiera della distribuzione alimentare (supermercati, ipermercati ecc.) spreca ogni anno 230mila tonnellate di generi alimentari. Eppure, a fronte di queste cifre, i prodotti recuperati e distribuiti dal Terzo settore rappresentano una percentuale compresa tra il 4 e l’8% del totale. Parliamo di migliaia di tonnellate, e di un lavoro enorme dietro quelle percentuali, frutto di un’attività instancabile da parte di decine di migliaia di volontari. Ma purtroppo insufficiente rispetto ai fenomeni. E questo non perché gli Enti del terzo settore non si impegnino, anzi, al contrario, fanno sforzi enormi. Ma perché gestire 230mila tonnellate di prodotti alimentari e sfamare (regolarmente) 5 milioni di persone distribuite su oltre 6 mila comuni non è un processo interamente gestibile da una rete di associazioni e fondazioni. E per quanti incentivi e leggi lo Stato possa fare per aiutare il terzo settore a contenere le due emergenze, rimangono comunque oggettivi problemi di risorse materiali. Si pensi infatti solo alla parte di logistica, di ritiro merci e distribuzione. Ma anche lo stoccaggio. Risorse, ossia mezzi, uomini, rete;
  • La produzione di rifiuti derivati dallo spreco alimentare rappresenta un costo notevole e un danno ambientale;

 

CONSIDERATO CHE:

  • Non va sottovalutato il problema dello stigma sociale, cioè in tanti semplicemente, si vergognano a chiedere aiuto e a farlo per di più in spazi universalmente riconosciuti come luoghi dove si recano persone in povertà, ossia mense o empori. Per questo, l’effetto psicologico diventa un freno a mano sia per un aiuto una tantum sia per un aiuto regolare;
  • Come Comune abbiamo la disponibilità di importanti capitoli di spesa legati all’ambito delle politiche sociali. Tra l’altro, il Comune è l’ente di prossimità, e di conseguenza il primo livello amministrativo con cui il cittadino ha la possibilità di rapportarsi indipendentemente dalle sue reali competenze;
  • E’ dovere di ogni Comune farsi portavoce di queste istanze della cittadinanza;

PRESO ATTO CHE:

  • Il “Reddito alimentare” è un progetto sociale che prevede lo sviluppo nazionale di un rapporto di collaborazione tra Istituzioni, Privati e Terzo settore per la preparazione di pacchi alimentari attraverso il recupero del cibo che rischia di essere sprecato dalla distribuzione e la loro successiva erogazione nei comuni ai cittadini in stato di indigenza. E’ lo strumento di contrasto a spreco e fame, frutto del riequilibrio dei rapporti. È lo Stato in questo caso che si fa carico delle due emergenze, decidendo di gestirle attraverso il riconoscimento alle persone fragili non di denaro, bensì di un diritto all’accesso a prodotti alimentari, sotto forma di pacchi alimentari, parte di quell’invenduto che altrimenti verrebbe buttato via. Nell’attuazione di questo sistema, il compito e l’onere dello Stato è quello di individuare la platea di beneficiari, far mettere a disposizione dei comuni degli spazi utilizzabili sui quartieri e costruire un’infrastruttura digitale adeguata per la sua gestione e la sovrintendenza del processo di ritiro/distribuzione dei pacchi stessi, dove agiscono tre attori: distribuzione, enti, partner logistico;
  • Si tratta di un progetto nazionale, che trova applicazione nei Comuni, organizzata a livello centrale dallo Stato e poi diffusa capillarmente sui territori. Il Progetto di Reddito Alimentare risulta essere un’iniziativa a costo zero, ma capace di dar vita ad un sostegno alle fasce più disagiate della popolazione;
  • Da un punto di vista pratico, lo Stato individua la platea di beneficiari, facendo, inoltre, mettere a disposizione dei comuni degli spazi utilizzabili nei quartieri e costruire un’infrastruttura digitale adeguata per la sua gestione e la sovrintendenza del processo di ritiro/distribuzione dei pacchi stessi. Lo Stato, individuata la platea, dà un’utenza sulla App del Reddito alimentare. Tramite l’INPS si individuano i beneficiari, quei cittadini fragili a cui un sostegno alimentare garantirebbe un supporto fondamentale. Tale sostegno alimentare si sostanzia in uno o due pacchi a settimana, a seconda dell’ISEE e del nucleo familiare. Ai cittadini aventi diritto viene dato un codice univoco attraverso il quale registrarsi sulla app del Reddito alimentare, con la quale potranno prenotare pacchi alimentari e decidere se andarli a prendere nei centri di distribuzione individuati o se farseli consegnare a casa. In pratica, la distribuzione mette a disposizione i beni, partner logistici e volontari, che ritirano e consegnano. E’ la distribuzione (grande o piccola) a mettere a disposizione l’invenduto. A ritirarlo, quando possono sono i volontari del Terzo settore, alternativamente è il partner logistico. Una volta ritirato dai supermercati, i prodotti sono quindi stoccati in tre tipologie di locali: nelle sedi delle associazioni/enti, nei locali messi a disposizione dallo Stato tramite i comuni o in piccoli spazi dentro i locali della distribuzione (supermercati, ipermercati) che intendessero e potessero mettere a disposizione per alcune fasce orarie pochi metri quadrati. In questi spazi, i pacchi vengono poi preparati dai volontari del Terzo settore, che hanno spesso una grande esperienza nella pratica di preparazione pacchi alimentari. A questo punto i pacchi possono essere ritirati dai beneficiari nel centro di distribuzione prescelto più vicino, oppure consegnati direttamente a casa da volontari o fattorini del partner logistico, se si tratta di beneficiari fragili (invalidi e anziani);

 

EVIDENZIATO CHE:

  • Le diverse proposte finalizzate alla tutela dei ceti meno abbienti si sono spesso scontrate con temi legati alla sostenibilità economica di questi stessi provvedimenti;
  • Nel corso degli ultimi anni gli enti locali hanno svolto un ruolo di attuazione di molte misure di sostegno economico di carattere nazionale, attraverso il coordinamento con le Asl o con altre strutture sociali territoriali;
  • Anche la Regione Umbria sta affrontando il tema, attraverso una mozione presentata in Assemblea legislativa, con cui si impegna la Giunta a realizzare il progetto del Reddito Alimentare anche nel nostro territorio, predisponendo delle linee guida per i Comuni umbri, anche attraverso una collaborazione con Anci;

TUTTO CIÒ PREMESSO

SI IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA:

  • A fare proprio il progetto nazionale del Reddito Alimentare al fine di realizzarlo anche nel nostro Comune, in modo da fornire uno strumento ulteriore di supporto alle persone in difficoltà e di contrasto alla spesa e alla povertà alimentare.

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.