In città la piaga dei furti in abitazione è sempre più diffusa. Sono tante le famiglie che ogni giorno vengono colpite da questo reato e che si trovano a dover fare i conti con la perdita di beni e, spesso, anche con l’insicurezza di poter rientrare in casa propria dopo essere state via per qualche ora. A Perugia il fenomeno dei furti in abitazione è particolarmente accentuato. Negli ultimi mesi si sono verificati diversi episodi che hanno visto coinvolta un’altissima percentuale di famiglie perugine. Molte di queste non riescono a recuperare i propri averi, anche se spesso la polizia riesce a risalire agli autori dei reati.

Finisce a processo per difendersi dai ladri

L’esasperazione di chi abita in Colle della Trinità è costato un processo ad un residente della zona. Come riporta Perugia Today una sera di novembre del 2018, un residente si era trovato faccia a faccia con i ladri che erano entrato nella sua proprietà e non avevano intenzione di andarsene. L’uomo aveva preso la pistola, regolarmente detenuta, e aveva esploso due colpi in aria.

I ladri fuggivano da un colpo appena portato a termine in un altra villa ed avevano trovato riparo nel giardino di un vigile residente della zona che allertato dall’abbaiare del cane ha visto i ladri nella propria proprietà. Ha sparato due colpi in aria per farli fuggire ma i ladri, non solo non se ne andarono, ma si arrampicarono sul tetto bersagliando l’uomo e il cane con grossi sassi.

Adesso quell’uomo, difeso dall’avvocato Pierluigi Vossi, si trova sotto processo per rispondere del reato all’articolo 703 del codice penale per accensioni ed esplosioni pericolose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.