I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Passignano sul Trasimeno a conclusione specifica attività d’indagine, hanno deferito all’autorità giudiziaria due persone, per aver ottenuto, grazie a false dichiarazioni presentate all’Agenzia Forestale Regionale, il rilascio di due autorizzazioni irregolari per la tabellazione di tartufaie coltivate a Passignano sul Trasimeno.
I due, un imprenditore agricolo settantenne e un agronomo quarantenne, hanno falsamente attestato la realizzazione ad hoc di un impianto dedicato alla tartuficultura di oltre 10 ettari, al contrario le indagini hanno appurato che il rimboschimento in questione era stato invece effettuato dal precedente proprietario circa 30 anni fa con fondi pubblici destinati alle attività di protezione idrogeologica e paesaggistica. 
L’attività illecita avrebbe così permesso al proprietario di riservarsi la raccolta del prezioso tartufo. La Normativa nazionale e regionale affida proprio ai Carabinieri Forestali la tutela del prezioso patrimonio tartuficolo.
A carico dei responsabili è elevata denuncia e ora rischia la revoca dei permessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.