[ad_1]

Borgo dell'Appennino, innevato.
Borgo dell’Appennino, innevato.

Il bollettino meteo con validità 30 giorni diffuso dell’Aeronautica Militare propone meteo climatiche poco primaverili. Si avrebbe un periodo variabile, con fasi perturbate e con basse temperature. Tornerà la neve sino a quote basse in Appennino, ma anche nelle Alpi nevicherà. Le precipitazioni potrebbero risultare anche abbondanti.

 

COSA DICE L’AERONAUTICA MILITARE ITALIANA, nostre deduzioni.

 

15 – 21 marzo 2021

Il periodo di previsione potrebbe essere caratterizzato da una forte e generale anomalia, con basse pressioni sui Balcani e l’Alta Pressione sull’Atlantico che si spingerà sino al Polo Nord. Tale configurazione atmosferica dovrebbe generare una serie consistente di discese di aria artica verso l’Italia, determinando meteo molto perturbato su gran parte della Penisola, con basse temperature.

Ma attenzione, il Nord Italia, specie il settore occidentale, potrebbe essere per gran parte del periodo protetto dalle Alpi. Ma ormai siamo in una fase stagionale avanzata, e gli sconfinamenti di aria fredda verso la Valle Padana, potrebbero dare innesco a rovesci e anche temporali (li abbiamo già visti domenica), che con il rovesciamento di aria fredda verso i bassi strati potrebbero dar luogo a grandine, gragnola, se non anche neve a quote basse.

Insomma, la primavera è in realtà, nella prima fase anche questa.

 

22 – 28 marzo 2021

La temperatura dovrebbe mantenersi sotto le medie del periodo, in un contesto prevalentemente depressionario, ma stavolta con correnti che potrebbero essere meno rigide, e giungere dal nord dell’Oceano Atlantico. Questo favorirebbe neve sulle Alpi, mentre a quote superiori alla precedente settimana, in Appennino.

 

29 marzo – 4 aprile 2021

Sono attese temperature più basse della media al Nord, mentre nella media del periodo altrove. Avremo altre precipitazioni con variabilità diffusa.

 

5 – 12 aprile 2021

Forse si tornerà verso la media. Quindi, meteo decisamente più mite, stavolta primaverile. Peccato che la situazione di emergenza sanitaria limiterà quasi totalmente la possibilità di sfruttare il clima di primavera all’esterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *