Sciopero generale di due ore a fine turno da destinare, attraverso le aziende, a un fondo per i familiari delle vittime di Gubbio e manifestazione regionale in piazza Grande nella città dei Ceri per stringersi intorno a un’intera comunità stravolta dal disastro alla Greenvest, piccola azienda agricola in cui si produceva cannabis light, saltata in aria venerdì causando la morte di due lavoratori, Samuel ed Elisabetta, e il ferimento di altri tre.
    I sindacati, Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, hanno annunciato la prima giornata di mobilitazione programmata per mercoledì 12 maggio.


    Lo hanno fatto nell’incontro avuto con il prefetto di Perugia, Armando Gradone, che è stato accompagnato da un presidio svolto sotto il palazzo del governo territoriale.
    “Ringraziamo il prefetto per la grande sensibilità e disponibilità dimostrata – hanno detto i sindacati dopo quasi due ore di confronto – già domani saremo di nuovo convocati insieme alle parti datoriali, per mettere in campo immediatamente azioni non formali finalizzate a fermare la strage. È infatti evidente che dopo la lunga fase di rallentamento imposta dalla pandemia, una ripartenza del sistema economico senza uno sforzo straordinario in prevenzione e sicurezza rischia di produrre nuovamente tragedie come quella di Gubbio che non possiamo assolutamente tollerare”.
    L’appuntamento – riferisce la Cgil – è per le ore 10 in piazza Grande a Gubbio. La manifestazione si svolgerà in contemporanea con una iniziativa nazionale di Cgil, Cisl e Uil che riuniranno in una grande assemblea tutti gli Rls, rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, d’Italia per programmare ulteriori iniziative di mobilitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.