“Grazie all’emendamento del M5S con l’approvazione in Parlamento del Decreto salva bollette anche in Umbria sarà possibile installare impianti fotovoltaici nei centri storici senza un veto a priori. L’installazione sarà possibile anche nelle aree vincolate di notevole interesse pubblico ‘integrati nelle coperture non visibili dagli spazi pubblici esterni e dai punti di vista panoramici, eccettuate le coperture i cui manti siano realizzati in materiali della tradizione locale’. Una vittoria storica a cui abbiamo dato il nostro contributo contro il ‘Partito del No’ guidato in Umbria dall’assessore Morroni, che proprio due mesi fa aveva bocciato la nostra proposta di eliminare il divieto a priori di installazione nei centri storici previsto dal Reg. n°2/2015”: lo dichiara il consigliere regionale del Movimento 5 stelle Thomas De Luca.

“Siamo stati costretti a subire gli insulti della Lega che – prosegue – nella scorsa seduta ha definito le rinnovabili un ‘mondo arcobaleno’. Una sonora lezione contro l’arroganza della destra che ci ha costretto a superare l’ostacolo direttamente in Parlamento. Nel frattempo, grazie all’assessore Morroni cittadini e imprese hanno perso due mesi preziosissimi per le procedure volte ad accedere ai benefici del Superbonus 110%. Questo è l’esempio di come una politica incapace possa incidere in maniera devastante sulla vita delle persone. Quante famiglie avrebbero potuto trovare un ristoro nel prossimo inverno contro il caro energia e invece non gli è stato permesso? Ora non c’è più tempo da perdere e tutte le normative di rango inferiore devono essere adeguate”.

“Voglio ringraziare – aggiunge De Luca – l’onorevole Elisabetta Barbuto per l’eccellente lavoro svolto. L’emendamento che la vede come prima firmataria prevede l’installazione ‘con qualunque modalità’ di impianti solari fotovoltaici e termici sugli edifici anche negli agglomerati urbani che rivestono carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi, comprese le aree circostanti, che possono considerarsi parte integrante, per tali caratteristiche, degli agglomerati stessi (le cosiddette zone A). L’installazione così viene considerata ‘intervento di manutenzione ordinaria e non è subordinata all’acquisizione di permessi’. Ma persino la realizzazione di impianti che ricadono in aree o immobili definite zona B (ville, giardini, parchi non tutelati che si distinguono per la loro non comune bellezza) e zona C (immobili di particolare valore estetico e tradizionale, inclusi i centri ed i nuclei storici, riconosciuti di notevole interesse pubblico o di particolare pregio dal codice dei beni culturali e del paesaggio) è consentita senza autorizzazione se i pannelli non sono visibili da punti panoramici o, in qualunque caso, è consentita comunque previo rilascio dell’autorizzazione da parte dell’amministrazione competente. Voglio ringraziare infine i colleghi Roberta Lombardi, assessore alla transizione ecologica della Regione Lazio e Andrea Greco, capogruppo M5S della Regione Molise, per la collaborazione che ha contribuito a sbloccare questa impasse”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.